Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri per le sue funzionalità. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate.

CHI SIAMO

ASSORIMAP - Associazione Nazionale Riciclatori e Rigeneratori di Materie Plastiche - è attiva dal 1978 per rappresentare le aziende che riciclano o rigenerano materie plastiche post-consumo, nell'ambito dei consorzi nazionali previsti dalla legge e in altri ambiti pubblici e privati.

Si stima che le aziende riciclatrici che aderiscono ad ASSORIMAP reimmettendo nel ciclo produttivo rifiuti, scarti o avanzi di materie plastiche rigenerati o riciclati, trattano circa il 90% dell'intera quantità prodotta a livello nazionale.

ASSORIMAP aderisce a CONFIMI INDUSTRIA - Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata ed è associata a Plastics Recyclers Europe - Federazione europea dei riciclatori di materie plastiche.

IL COMPARTO CHE RAPPRESENTIAMO

300 
AZIENDE

9.600
OCCUPATI

1.800.000 tonn.
CAPACITA' INSTALLATA DI RICICLO

LA STORIA

Dalla lavorazione degli scarti
all'attuale sistema industriale,
per valorizzare un materiale insostituibile.

Il settore del riciclo meccanico delle materie plastiche, sviluppatosi a partire dagli anni '50 per lavorare gli scarti delle attività di produzione e trasformazione delle plastiche, è divenuto, dall'entrata in vigore del Decreto Ronchi, il comparto terminale per il recupero degli imballaggi post-consumo provenienti dalla raccolta differenziata urbana, assumendo così un ruolo centrale nella gestione dei rifiuti.

Grazie alle caratteristiche di economicità, praticità, leggerezza e resistenza del materiale, l'uso della plastica ha subìto nei decenni un incremento inimmaginabile in tutti gli ambiti della produzione. La sua diffusione nell'industria dell'imballaggio, aggravata di anno in anno da un ciclo di vita dell'imballaggio sempre più breve e dai maggiori consumi, si riflette inevitabilmente sull'aumento della produzione dei rifiuti.

La sfida dell'economia circolare, sostenuta dalle imprese del recupero di materia, è quindi quella di ri-produrre, riconvertendo in materia plastica prima seconda ciò che prima era divenuto rifiuto.

Il riciclo meccanico è il processo che consente il maggior risparmio di risorse naturali, abbattendo l'impatto dei processi di trasformazione del petrolio (emissioni climalteranti) e riducendo la quantità di rifiuti da conferire in discarica.

GLI OBIETTIVI EUROPEI AL 2030

55%

RICICLO MECCANICO EFFETTIVO DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA                        RISPETTO ALL'IMMESSO AL CONSUMO                                                                                   

30%

CONTENUTO MINIMO OBBLIGATORIO DI MATERIE PLASTICHE RICICLATE                    PER LA PRODUZIONE DI CONTENITORI PER LIQUIDI ALIMENTARI IN PET