Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri per le sue funzionalità. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate.

"Le imprese del riciclo motore dell'economia circolare", webinar del 25 maggio 2021

Si è tenuto lo scorso 25 maggio il webinar “Le imprese del riciclo motore dell’Economia Circolare”  promosso da Assorimap, Unirima e Assofermet, che ha visto la presenza delle parlamentari On. Alessia Rotta, On. Silvia Fregolent, On. Rachele Silvestri e Sen. Patty L’Abbate delle Commissioni Ambiente di Camera e Senato per fare insieme il punto sul settore del riciclo ad un anno della sottoscrizione del "Manifesto del Riciclo a sostegno dell'economia circolare" da parte delle tre Associazioni.

L'evento, a cui è intervenuto anche il Capo Unità DG Ambiente della Commissione Europea Mattia Pellegrini, è stato l'occasione anche per commentare le misure e le risorse a favore del riciclo contenute nel PNRR presentato a Bruxelles lo scorso aprile dal Governo Draghi, alla luce di quelle che erano state le proposte presentate nei mesi scorsi dalle tre Associazioni per il sostegno delle imprese del comparto del riciclo di plastica, carta e metalli.

"Lo scorso anno, come associazioni del riciclo, abbiamo lanciato un manifesto focalizzato sulle potenzialità del settore che costituisce il cuore dell'economia circolare e chiesto un contributo straordinario per il biennio 2021 - 2022 di 4 miliardi per l'innovazione tecnologica degli impianti. Ad oggi, purtroppo, quella richiesta non è stata ancora accolta. Auspichiamo un nuovo impulso all'economia circolare perché si tratta di un comparto che muove circa 20 mld", ha sottolineato Cinzia Vezzosi, Presidente Euric e vicepresidente Assofermet.

"Parallelamente a maggiori investimenti in impianti, occorrono riforme che garantiscano dinamiche competitive, affinché venga pienamente applicato il principio della concorrenza: un concetto espresso anche dall’Antitrust, per cui il perimetro tracciato dal Decreto legislativo 116/2020 in materia di rifiuti urbani e di quelli speciali è discriminatorio per i gestori privati", ha osservato Francesco Sicilia, direttore generale di Unirima.

"Servono interventi operativi e pragmatici, come un credito d'imposta per i riciclatori e sgravi fiscali per chi acquista materiali riciclati. L'idea di generare sovvenzioni al nostro settore è quanto mai attuale, a maggior ragione oggi che si parla sempre più diffusamente di decarbonizzazione", ha evidenziato Maurizio Foresti, vicepresidente Assorimap.

Qui il video per rivedere l'evento.