Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri per le sue funzionalità. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate.

UNI: norma UNIPLAST 10667-18 in inchiesta pubblica fino al 15 gennaio 2022

Tramite il sito dell'UNI (a questo link, inserendo nel campo “codice progetto” UNI1608631) è possibile partecipare fino al 15 gennaio 2022 all'inchiesta pubblica finale sulla revisione della Norma UNI 10667 parte 18 - Progetto UNI1608631.

Possono partecipare all'inchiesta tutti gli stakeholders che non hanno già preso parte alle fasi precedenti di revisione.

La norma ha lo scopo di individuare requisiti e metodi di prova per le miscele di materie plastiche eterogenee a base di poliolefine provenienti da residui industriali e/o da materiali da post-consumo destinate alla conversione in miscele di idrocarburi solidi, liquidi o gassosi da utilizzarsi come combustibili liquidi e/o gassosi o per ulteriori processi chimici industriali. 

L’ultima specificazione del campo di applicazione "per ulteriori processi chimici industriali", non prevista nella versione precedente della norma, insieme all’emanando decreto EoW per le plastiche miste, consentirebbe di trattare questi ultimi materiali al di fuori delle autorizzazioni in cui operano le imprese del riciclo meccanico, determinando la cessazione della qualifica di rifiuto (EoW) in un momento precedente alle operazioni svolte dal riciclo meccanico che oggi portano alla determinazione di una Materia Prima Seconda per tutti gli altri materiali plastici.

Preoccupano in particolare i requisiti più "permissivi" che la nuova norma andrebbe a determinare per queste materie plastiche eterogenee rispetto agli altri standard tecnici previsti dalle altre parti della stessa Norma UNI 10667 destinate ad altri materiali plastici: per quanto riguarda la composizione, una soglia quantitativa di mix poliolefinico più bassa rispetto ad altri materiali e al contempo una soglia troppo elevata di tolleranza, che potrebbe far crescere la frazione estranea; la previsione di un solo trattamento destinato ai materiali tra quelli previsti dal riciclo meccanico, che non garantirebbe l'eliminazione dei residui contenuti.