Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri per le sue funzionalità. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate.

Credito di imposta per prodotti e imballaggi ecosostenibili (Legge Bilancio 2019): criteri e modalità fruizione in G.U.

E' stato finalmente pubblicato in Gazzetta, con un ritardo di circa due anni dai termini previsti, il Decreto MiTE del 14 dicembre 2021 recante “Requisiti tecnici e certificazioni idonee ad attestare la natura ecosostenibile dei prodotti e degli imballaggi secondo la vigente normativa europea e nazionale”. Il Decreto definisce i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito d'imposta istituito dalla Legge di Bilancio 2019 (Legge n.145 del 30 dicembre 2018) – art. 1 co.73.

Il contributo sotto forma di credito d’imposta è riconosciuto a tutte le imprese che hanno acquistato, tra gli altri, prodotti finiti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica.

Per poter beneficiare dell’agevolazione i prodotti di cui sopra devono possedere i seguenti requisiti tecnici:

  1. contenuto di materiale riciclato uguale o maggiore al 30% proveniente da rifiuti con codici dell’EER 15 01 02 “Imballaggi di plastica” e 19 12 04 “Plastica e gomma prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti;
  2. conformità alle specifiche UNI 10667-14 «Materie plastiche prime-secondarie - miscele di materiali polimerici di riciclo e di altri materiali a base cellulosica di riciclo da utilizzarsi come aggregati nelle malte cementizie, nei bitumi e negli asfalti»  o  UNI 10667-16 «Materie plastiche prime-secondarie - miscele di materie plastiche eterogenee a base di poliolefine provenienti da residui industriali e/o da materiali da post-consumo destinate a diverse tecnologie di trasformazione»  o  UNI  10667-17  «Materie plastiche prime-secondarie: miscele di materie plastiche eterogenee provenienti da residui industriali e/o da materiali da post-consumo destinate a processi di riduzione in impianti siderurgici».

Verrà riconosciuto un credito d’imposta pari al 36% delle spese sostenute in ciascuno degli anni 2019 e 2020, fino ad un importo massimo annuale di 20mila euro per ciascuna impresa beneficiaria, nel rispetto del limite complessivo di un milione di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021. Tale credito è alternativo e non cumulabile con altre agevolazioni previste per le medesime voci di spesa.

Le imprese interessate potranno presentare apposita richiesta sul sito del MiTE entro 60 giorni dalla data di comunicazione dell’avvenuta attivazione della piattaforma nella sezione news dello stesso sito.